4.-Emma-Ciardi-Luce-di-Maggio-1920-olio-su-tela-cm685x925-Venezia-Fondazione-di-Venezia-1000x600

Sabato 20 giugno 2015 presso il Centro Culturale Bafile di Caorle è stata inaugurata la mostra “Bell’Italia. La pittura di paesaggio dai Macchiaioli ai Neovedutisti veneti 1850-1950”, promossa da Comune di Caorle, Fondazione Terra d’Acqua Onlus, Fondazione Santo Stefano di Portogruaro e Museo del Paesaggio di Torre di Mosto in collaborazione con Fondazione di Venezia, VeGAL, ATVO.

La mostra presenta il paesaggio italiano nella pittura veneta e toscana tra Ottocento e Novecento.
I luoghi della memoria, ossia la dolce pianura toscana, i laghi, la laguna e il mare, Venezia nella sua apparizione incantata e poi la campagna e la montagna, sono i temi più frequentati da questi pittori che hanno segnato una svolta nel linguaggio artistico di quegli anni.

Tra le opere esposte ritroviamo gli esponenti dei Macchiaioli Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Vincenzo Cabianca in dialogo con i grandi Neovedutisti veneti – Ettore Tito, Luigi Nono, Pietro Fragiacomo, Angelo Dall’Oca Bianca, Guglielmo Ciardi, con i figli Emma e Beppe.

Un grande evento espositivo sull’arte italiana che la città di Caorle offre ai propri visitatori, con un’offerta culturale sempre più completa e di alto livello.

La mostra rimarrà aperta fino al 25 ottobre 2015.